BATTUTE Maschili

ottobre 3, 2007

Mi piace molto ricordare certe battute maschili che mi vengono dette, soprattutto se vengon porte con distacco e con quell’arguzia figlia del disincanto ma non del cinismo. 

 “…devi avere pazienza con lui…è un uomo!”

(battuta di surrealista fiorentino- contemporaneo)

SAUCO

“…e chi non è timido ? giusto un malato de-mente!”*

(battuta di sonettista romano-contemporaneo)

                                                              Riso

*la preposizione di (de nel testo) è stata lasciata volutamente in romanesco per consentire un rapido gioco di parole eliminando lo stacco tra de e mente a favore del sostantivo demente….e scusate se è poco, come avrebbe detto il Principe De Curtis!

Rosso BIRMANIA, oggi MYANMAR

ottobre 2, 2007

Rosso Birmania

dal blog di Luciano:

http://lucianoidefix.typepad.com/

e dal blog di Nicola:

http://nicolagiordano.blogspot.com/

 VAURO

SOLIDALE, Tereza

il SEGRETO condiviso

ottobre 1, 2007

E’ “anche” la mia storia ma la dedico ad un’amica cara che già lo sa, per la quale l’ho scritta e alla quale la dedico. Io che non so scrivere poesie, questo lo so da me.

bambina

Da bambina mi rifugiavo in uno stanzino

più che potevo a coltivar pensieri

più che potevo a cavallo dell’immaginare.

Sapevo d’esser sorvegliata e molto.

Da adolescente giravo in tutta casa

Johannes BARTHELMES

ma sapevo d’esser sorvegliata più di prima.

Mi tenevo i pensieri stretti stretti

uno sopra l’altro:

li sapevo spiati e immaginati

e più di tutto temuti .

Da adulta mi son fatta forza

e sono uscita in strada

nuda e a pensieri nudi

788990383_372ea0ad2b_o

i sogni sventolati all’aria

come un bucato fresco.

Tutti a guardare e a scandalizzare.

Io ferma a dire:

sono una donna

vostro malgrado.

Le Fortunate CASUALITA’

ottobre 1, 2007

Mi è capitato di riflettere su di un evento.

Amelie

Accade talvolta, e talvolta spesso, che proprio quelli che non capiscono mai al primo botto il verso giusto del tuo pensiero, quelli con cui non ti prendi e non ti prenderai mai,  accade che proprio costoro- paf!- ti caccino da dentro cose assai meditate e riposate e vere nella loro sinteticità, cose che ti rappresentano in poche scarne righe, che ti pennellano a dovere per come sei veramente, al punto che quasi gliene dovresti essere grata.

Giorni fa rispondendo ad un campione di questo tipo ho detto:   

Perchè l’amore profondo quando ti guarda ha sempre vent’anni.
Anche a vent’anni e un giorno.
Anche ad ottanta se si desse il caso.
Ecco, io ho ottant’anni.
Il mio sguardo ne ha venti.

Ecco, mi son sentita molto Tereza rileggendomi…e, per capire meglio, vai a 

http://tereza.splinder.com/post/14013530#comment

<!– –>

La Scopa Volante

settembre 26, 2007

Pub_2

Inizio così, con questa immagine, proprio con questa, anche questo blog

Dò il benvenuto a tutti quelli che verranno e più di tutti a coloro i quali hanno trovato la porta sbarrata o semi-sbarrata o troppo piccina su Splinder. Son sempre io, la Tereza migrata da Kataweb su Splinder e ora approdata qui.

Sono quella stessa Tereza che fu nel blog che non si nomina mai ad alta voce e poi in quello instabile. Ora sarò semplicemente TereZa, Z di Zorro o/e sibilar di ZanZara. Ed eccomi in alcune righe.

 

  Amo l’essenzialità e il concentrato di senso e non  pratico, per igiene e profilassi, la superficialità accattivante del banale.Provo interesse nell’ascolto e nel porgere argomenti.Mi applico e talvolta m’intestardisco nel dialogare ma è tutto interesse e passione quel che mostro.Anche nell’incazzatura.E se dichiaro passioni e ammirazioni valgono come le incazzature: tutte figlie di interesse vero.Non amo i confini in nessuna materia, in nessun luogo geografico ed in nessun pensiero.Mi piace anzi destrutturare il pensiero e camminarci sopra con le mani.Per poi ricostruirgli la faccia.Possibilmente migliore.Amo il senso dell’immagine e cerco di trasmetterlo raccontandolo.Mi diverte rovesciare senso, ruolo e parola.Il senso perché rovesciato sconfina nel sogno.Il ruolo perché rovesciato sconfina nel divertimento.La parola perché rovesciata si rialza e rinasce all’infinito: potente come il pensiero che esprime.   Ricordatemelo se me ne dovessi dimenticare, anche solo in parte.Magari ne discuteremo insieme.TEREZA 

(entrambe le foto sono di Sauco)